Cura

Quando si passa la mano sul tappeto e il vello non si solleva e il tappeto è liscio, il movimento avviene nel senso del vello.

Quando si passa la mano sul tappeto e il vello non si solleva e il tappeto è liscio, il movimento avviene nel senso del vello.

Pulizia con l’aspirapolvere

Può essere effettuata una volta alla settimana nel senso del vello. Si può facilmente capire in quale direzione è rivolto il vello passando la mano lungo il tappeto. Se il vello è morbido, si sta procedendo in direzione del vello, se è ruvido e si solleva, si sta effettuando un movimento in senso contrario.

La cosa importante da ricordare è di sollevare l’aspirapolvere dopo ciascun movimento, in modo da non passarlo avanti e indietro! Prestare inoltre attenzione alle frange, assicurandosi che non vengano aspirate dal becco dell’aspirapolvere.

Quando il vello si alza in questo modo, il movimento avviene CONTRO pelo!

Quando il vello si alza in questo modo, il movimento avviene CONTRO pelo!

Quando il tappeto è nuovo vi può essere della lana/vello in eccesso e alcune particelle possono uscire. Nei tappeti persiani, questo fenomeno il più delle volte scompare dopo 1-2 passaggi di aspirapolvere, mentre nei tappeti indiani, ad esempio, può durare più a lungo.

Non ha quindi senso cercare di aspirare via tutto in una sola volta: è meglio lasciare che ci voglia il tempo necessario per ridurre il consumo del tappeto.

Occorre evitare di battere i tappeti, in quanto vi è il rischio di rovinare i nodi.

Segni profondi nel tappeto

Qualora il tappeto dovesse presentare segni profondi o altri tipi di segno dovuti ad un mobile o simili è possibile eliminarli facilmente. Iniziare sciacquando un panno in acqua fredda e stenderlo sull’area che presenta i segni. Prendere poi un ferro da stiro e passarlo sul panno un paio di volte, nel senso del vello. Se così facendo il segno non è ancora scomparso, si può ripetere l’operazione.

Per eliminare dal tappeto i segni del calpestio o quelli lasciati ad esempio dai mobili, sciacquare un panno in acqua fredda e passarlo più volte con un ferro da stiro nel senso del vello.

Per eliminare dal tappeto i segni del calpestio o quelli lasciati ad esempio dai mobili, sciacquare un panno in acqua fredda e passarlo più volte con un ferro da stiro nel senso del vello.

Rinfrescare un tappeto

“Un buon modo per rinfrescare un tappeto è quello di stenderlo nella neve con il vello rivolto a terra. Prima di fare questo, il tappeto va tenuto all’aperto in modo che si raffreddi e non faccia sciogliere la neve.

Ruotare il tappeto

Circa ogni due mesi, inoltre, occorre ruotare il tappeto di 180°. Ciò va fatto in quanto il tappeto può scolorire se esposto alla luce del sole sempre nello stesso punto per periodi superiori. Un altro motivo per ruotare un tappeto è per evitare che si consumi sempre nello stesso punto.

Lavaggio del tappeto

Dopo alcuni anni di utilizzo, occorre farlo lavare; naturalmente non presso una lavanderia qualsiasi, ma possibilmente presso un negozio specializzato in tappeti orientali. In occasione del lavaggio, il tappeto viene sbattuto e liberato da piccole particelle quali ghiaia e sabbia. Dopodiché ci si occupa delle macchie più piccole, più nello specifico. Segue poi un lavaggio con acqua; il tappeto viene sciacquato con acqua e grattato con rastrelli di gomma fino a quando non sia stata eliminata tutta la sporcizia. Una volta terminato il lavaggio, il tappeto viene asciugato in speciali sale per l’asciugatura e steso, se necessario. Con questo tipo di lavaggio si ridona al vello la sua vitalità e il suo lustro e ai colori la loro luminosità.

Riparazioni

Un tappeto annodato a mano può essere riparato in caso di danno. È possibile ad esempio riparare frange allentate o strappate, danni a livello dei bordi (lato lungo del tappeto), fori di piccole dimensioni o ripristinare i colori in punti in cui si sono consumati. Questo tipo di danno deve essere riparato da un esperto di tappeti per ottenere il miglior risultato possibile!

Tuttavia, è spesso costoso riparare un tappeto annodato a mano, quindi è opportuno valutare se sia o meno il caso di farlo: alcuni tappeti sono perfino più belli se mantenuti nelle loro condizioni originali, vale a dire con un certo livello di consumo.

L'antiscivolo per tappeti è raccomandato.

L’antiscivolo per tappeti è raccomandato.

Utilizzare l’antiscivolo per tappeti

Per minimizzare l’usura sul tappeto, è necessario utilizzare un anti-scivolo. La protezione allunga la vita del vostro tappeto, e contribuisce anche per una maggiore sicurezza in quanto il tappeto rimanga fermo sul pavimento. Antiscivolo è consigliato sia per tappeti sottili e spessi.

Un’altra funzione positiva delle protezione antiscivolo è che, isolare il pavimento, e in molti casi anche contribuire ad un migliore comodità a camminare sul tappeto.

Fonte: tuttosuitappeti