La specialista Louise Broadhurst fornisce consigli su tutto, dall’identificazione dei coloranti naturali alla ricerca della giusta impostazione sul tuo aspirapolvere. Illustrato con esempi di lotti passati e futuri offerti da Christie’s

I tappeti sono stati oggetti da collezione per secoli: dagli inventari sappiamo che Enrico VIII possedeva diverse centinaia di tappeti turchi, alcuni dei quali compaiono nei suoi numerosi ritratti di Hans Holbein – i dipinti che conservano il ricordo di oggetti che sono quasi tutti scomparsi. Gli appassionati collezionisti di tappeti persiani includevano Cornelius Vanderbilt e Sigmund Freud, che tenevano un tappeto drappeggiato sul divano su cui si sarebbero seduti i suoi clienti.

1) Conosci i tuoi nodi, orditi e trame

Tappeto Bakshaish, Persia occidentale, datato AH 13181900 d.C. 15 piedi 5 pollici x 11 piedi 5 pollici (474 ​​cm x 352 cm). Stima £ 10.000-15.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie's a Londra

Un tappeto Bakshaish, ovest Persia, datato AH 1318/1900 AD . 15 piedi 5 pollici x 11 piedi 5 pollici (474 ​​cm x 352 cm). Stima: £ 10.000-15.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie’s a Londra

Antichi tappeti orientali erano tessuti su un telaio tradizionale con fili di cotone, seta o lana, chiamati orditi, allungati verticalmente tra due travi di legno orizzontali. Il tessitore passò quindi a file di seta, cotone o lana, chiamate trame, in alternanza sopra e sotto ogni ordito adiacente.

L’ordito e la trama costituiscono il fondamento di base della maggior parte dei tappeti. Il tessitore quindi introduce ripetutamente file di “nodi” in loop tra diverse trame che vengono poi uniformemente ritagliate per produrre la pila. Maggiore è il numero di nodi, più fine sarà il tappeto e più intricato diventerà il motivo. Questa tecnica si è dimostrata così efficace che oggi i tappeti sono realizzati con questi stessi metodi.

2) Un tappeto può rivelare molto da dove proviene

La maggior parte dei tappeti e dei tappeti sono classificati in base all’ambiente in cui sono stati tessuti: tessuti a mano sul piccolo telaio di una tribù nomade, parte di un’industria di cottage all’interno di un villaggio locale o prodotti in un’officina professionale o reale all’interno di una città.

Tappeti reali:  realizzati nel XVI e XVII secolo per le corti islamiche, i tappeti reali hanno avuto la maggiore influenza di tutti sul design dei tappeti, anche se oggi relativamente pochi sopravvivono. (Vedi il tappeto Comtesse de Behague Vase della metà del XVII secolo, venduto per £ 6.201.250 il 15 aprile 2010 a Christie’s London.)

Tappeti tribali: i tappeti  nomadi o tribali, come il tappeto Yomut in basso, sono prodotti da diversi gruppi etnici; prevalentemente tessuti per uso personale della tribù, piuttosto che come commissioni o da vendere, i loro disegni sono un riflesso di storie e tradizioni distinte. Sebbene non vi siano limiti alla lunghezza di un tappeto, la larghezza di questi tappeti non può mai superare gli otto piedi (circa 240 cm), la dimensione standard del telaio.

Un tappeto principale Yomut, Turkmenistan occidentale, seconda metà del XVIII secolo. 9 piedi 11 pollici x 5 piedi 7 pollici (301 cm x 172 cm). Venduto per £ 27.500 il 26 ottobre 2017 da Christie's a Londra

Un tappeto principale Yomut, Turkmenistan occidentale, seconda metà del XVIII secolo . 9 piedi 11 pollici x 5 piedi 7 pollici (301 cm x 172 cm). Venduto per £ 27.500 il 26 ottobre 2017 da Christie’s a Londra

Tappeti da villaggio:  tappeti come il tappeto Kazak sottostante sono stati prodotti in ambienti fissi: il telaio è stato eretto all’interno della casa e i tappeti tessuti senza un disegno disegnato, facendo affidamento sul ricordo delle donne che li hanno tessuti. Questa strategia significava che ciascuno dei tappeti conteneva piccole idiosincrasie, sia nella costruzione che nel modello, un fattore che non fa che aumentare il loro fascino.

Al termine, i tappeti furono portati al mercato regionale più vicino, dove avrebbero portato il nome di quel villaggio. Qui, sarebbero stati venduti ai locali o gestiti da un commerciante per l’esportazione.

 

Un tappeto kazako, nel Caucaso meridionale, metà del XIX secolo. 8 piedi 5 pollici x 6 piedi 4 pollici (256 cm x 193 cm). Stima £ 15.000-20.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie's a Londra

Un tappeto kazak, nel Caucaso meridionale, metà del XIX secolo . 8 piedi 5 pollici x 6 piedi 4 pollici (256 cm x 193 cm). Stima: £ 15.000-20.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie’s a Londra

Tappeti di città: città come Tabriz, Heriz e Kashan (vedi esempio sotto) sono sinonimo di tessitura di tappeti. Nell’ultimo quarto del diciannovesimo secolo sono stati istituiti laboratori specifici per soddisfare le esigenze del mercato occidentale, con maestri tessitori che sovrintendono alla produzione di tappeti e tappeti finemente tessuti.

Uno dei laboratori più famosi di Kashan è stato quello di Hajji Mollah Hassan Mohtasham, i cui tappeti sono riconoscibili per l’armonia del loro design e colore, la finitura in seta viola della cimosa (il materiale che lega ogni cordino laterale) e l’uso coerente del produttore la lana migliore, che conteneva una quantità particolarmente elevata di lanolina.

 

Un tappeto da preghiera Kashan Mohtasham, Persia centrale, circa 1890. 6 piedi 7 pollici x 4 piedi 4 pollici (204 cm x 133 cm). Stima £ 8.000-12.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie's a Londra

Un tappeto da preghiera Kashan “Mohtasham”, Persia centrale, circa 1890 . 6 piedi 7 pollici x 4 piedi 4 pollici (204 cm x 133 cm). Stima: £ 8.000-12.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie’s a Londra

Ziegler:  nel 1883, la domanda europea di tappeti persiani era cresciuta così tanto che la società con sede a Manchester Ziegler & Co. (vedi sotto) aprì il suo primo stabilimento nel distretto di Sultanabad, nella Persia occidentale.

 

Un grande tappeto Ziegler, Persia occidentale, intorno al 1890. 6 piedi x 597 cm (22 piedi x 19 piedi). Venduto per £ 27.500 il 2 maggio 2019 da Christie's a Londra

Un grande tappeto Ziegler, Persia occidentale, circa 1890 . 22 piedi x 19 piedi 5 pollici (672 x 597 cm). Venduto per £ 27.500 il 2 maggio 2019 da Christie’s a Londra

3) Cerca design armoniosi con un senso di movimento

Forse uno degli aspetti più importanti da considerare quando si acquista un tappeto è il suo design. È equilibrato, ben distanziato e armonico? Ha un senso di movimento, profondità spaziale e chiarezza? Se mancano questi elementi, molto spesso il design potrebbe essere stato frainteso e potresti essere lasciato con un tappeto visivamente incoerente.

Alcuni disegni sono stati usati ripetutamente nel corso dei secoli in varie forme. I motivi safavidi degli inizi del XVI e XVII secolo sono rimasti particolarmente popolari, come quelli visti sui tappeti Kirman “Vase” del sud-est della Persia, e quelli su un tappeto Tabriz molto più tardi del XX secolo , in basso, che è stato venduto da Christie’s il 25 ottobre 2018 per £ 32.500.

I modelli armoniosi di piani stratificati di viti scorrevoli, punteggiati da audaci palmette e bande di nuvole torte sono estremamente complessi ma creano un ritmo naturale che è estremamente ben bilanciato. Sebbene questi due tappeti siano stati intessuti a distanza di quasi 300 anni, molto poco è cambiato nel loro aspetto, dimostrando come i migliori disegni resistano davvero alla prova del tempo.

Un tappeto 'Petag' Tabriz, Persia nord-occidentale, circa 1930. 18 piedi 3 pollici x 11 piedi 10 pollici (557 cm x 362 cm). Venduto per £ 32.500 il 25 ottobre 2018 da Christie's a Londra

Un tappeto ‘Petag’ Tabriz, Persia nord-occidentale, circa 1930 . 557 cm x 362 cm (18 piedi 3 pollici x 11 piedi 10 pollici). Venduto per £ 32.500 il 25 ottobre 2018 da Christie’s a Londra

4) Per colori più ricchi, non puoi battere un tappeto tinto in modo naturale

Un grande medaglione tappeto Ushak, Anatolia occidentale, fine del XVI secolo XVII. 18 piedi 9 pollici x 10 piedi 2 pollici (577 cm x 311 cm). Stima £ 20.000-30.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie's a Londra

Un grande tappeto Ushak a medaglione, Anatolia occidentale, fine XVI / inizi XVII secolo . 18 piedi 9 pollici x 10 piedi 2 pollici (577 cm x 311 cm). Stima: £ 20.000-30.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie’s a Londra

I tappeti antichi beneficiano marcatamente dell’uso di filati fatti a mano, tinti in modo naturale, le cui sottigliezze non possono essere riprodotte dai coloranti sintetici. I coloranti sintetici iniziarono ad essere usati intorno al 1860 e molti collezionisti ignorano i tappeti tessuti dopo questo punto perché non hanno le sfumature e le sfumature morbide dei coloranti naturali. Svaniscono anche nel tempo.

Alcuni colori sono considerati più rari di altri e sono attivamente ricercati, come il viola di Tyrian, il giallo zafferano, la rosa cocciniglia e alcune tonalità di verde. Un segnale rivelatore del fatto che un tappeto sia tessuto o meno con lana tinta in modo naturale è se include variazioni tonali all’interno di un certo colore, formando bande visibili chiamate abrash. Ciò si verifica perché ogni lotto di filato intinto ha una saturazione marginalmente diversa della tintura.

5) Sii intelligente quando esegui cure o ripristini

Un tappeto di seta Yarkand, Turkestan orientale, prima metà del XIX secolo. 11 piedi 8 pollici x 5 piedi 1 pollice (359 cm x 154 cm). Stima £ 50.000-70.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie's a Londra

Un tappeto di seta Yarkand, Turkestan orientale, prima metà del XIX secolo . 11 piedi 8 pollici x 5 piedi 1 pollice (359 cm x 154 cm). Stima: £ 50.000-70.000. Offerto in Arte dei mondi islamici e indiani, compresi tappeti e tappeti orientali, il 25 giugno 2020 presso Christie’s a Londra

Come con qualsiasi opera d’arte, i tappeti antichi richiedono una certa cura e attenzione. In generale, prima il tessuto è stato tessuto, più usura e restauro sono accettabili, con i collezionisti che attribuiscono maggiore importanza alla rarità e al merito artistico che alle condizioni. Se un tappeto è stato restaurato troppo, o se è stato ripristinato su uno standard scadente, ciò può avere un impatto negativo sull’aspetto generale e sul valore di un tappeto. Lavaggio chimico, scolorimento estremo del sole, colorazione o riduzione delle dimensioni sono tutti elementi da tenere in considerazione, perché sono spesso irreversibili e influenzano inevitabilmente il valore dei tappeti.

Le fibre di seta sono molto più fragili della lana e di conseguenza sono più soggette all’usura. Sono anche sensibili all’umidità e, se si bagnano e poi si asciugano in modo errato, le fondamenta diventeranno secche e fragili e inizieranno a comparire le spaccature. Se un tappeto antico è stato ben curato, tuttavia, può durare per anni – molto più di un tappeto moderno di qualità inferiore, prodotto commercialmente.

6) Una cattiva conservazione del tappeto può essere disastrosa

Un tappeto Bakshaish, Persia occidentale, circa 1890. 14 piedi 3 pollici x 12 piedi 5 pollici (437 cm x 383 cm). Venduto per £ 22.500 il 24 ottobre 2019 da Christie's a Londra

Un tappeto Bakshaish, Persia occidentale, circa 1890 . 14 piedi 3 pollici x 12 piedi 5 pollici (437 cm x 383 cm). Venduto per £ 22.500 il 24 ottobre 2019 da Christie’s a Londra

È importante pulire regolarmente un tappeto. Questo può essere fatto con un aspirapolvere domestico su un’impostazione leggera, ma se richiede una pulizia più accurata dovrebbe essere gestito da un detergente per tappeti professionale.

Prima di riporre i tappeti, arrotolali dal basso, con la pila rivolta verso l’interno. Quando si ripone un tappeto di seta, arrotolarlo con la pila all’esterno, poiché ciò sollecita meno la fondazione. Non piegare mai un tappeto o un tappeto perché ciò si creerà nel tempo.

Danni causati da insetti, inondazioni e muffa sono i problemi più comuni che vediamo quando un tappeto è stato scarsamente conservato – è importante controllarli regolarmente.